L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) include il consumo di frutta e verdura tra le principali raccomandazioni per una dieta sana: nello specifico, per assicurarsi un pieno di benessere, bisognerebbe assumere almeno 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno.

Vitamine e sali minerali

Una regola importante, da tenere a mente per assicurarsi un pieno di vitamine e sali minerali e occuparsi attivamente della propria salute! Ma se c’è una stagione in cui questo consiglio è ancora più importante è proprio l’inverno! Con l’influenza alle porte, infatti, dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per contrastare virus e batteri che vorrebbero eludere le nostre difese. Una sostanza particolarmente importante e utile in vista dell’inverno è la vitamina C. Ma perché è così importante e dove possiamo trovarla?

La vitamina C è essenziale, oltre che per modulare l’attività dei globuli bianchi in caso di infezioni e per ottimizzare la reattività generale delle cellule immunitarie (i nostri difensori), anche in altre svariate funzioni organiche:

– facilita l’assorbimento intestinale del ferro e contribuisce alla formazione dei globuli rossi

– migliora il tono dell’umore se si è stanchi o nervosi

– svolge un’azione antiossidante

– è un vero e proprio antinfiammatorio naturale, utile per contrastare efficacemente il virus dell’influenza, sia in termini di prevenzione sia per rendere più rapida la guarigione.

Un prezioso alleato, dunque, ma dove possiamo trovarlo?

Per quanto riguarda le verdure, tarassaco, ortica, ravanelli, broccoli, spinaci, bietole sono degli ottimi dispensatori di questa sostanza. Ma, diciamo la verità, il pensiero comune quando si parla di vitamina C è uno solo e riguarda una categoria di frutti che ne sono davvero ricchi, gli agrumi! Arance, limoni, pompelmi, mandarini: un pieno di gusto succoso e colorato che, oltre ad essere una gioia per il palato, è una vera e propria invasione di benessere. Ma l’elenco non finisce qui: la vitamina C è presente anche in pomodori, fragole, peperoni verdi, ribes nero e papaia, asparagi, fave e cavolini di Bruxelles.

Insomma, la varietà di alimenti è talmente ampia che non abbiamo scuse per non assumere questo prezioso nutriente! Oltre ad essere idrosolubile (in grado cioè di sciogliersi nell’acqua) la vitamina C e sensibile alle alte temperature, per cui si perde del tutto in caso di cottura in acqua. È importante quindi consumare gli alimenti che la contengono crudi o poco cotti, utilizzando ad esempio centrifugati ed estratti.

Fonte: Guna.com

Per il consiglio più adatto a te chiedi in farmacia!