Con i primi caldi “forti”, può capitare di avere meno fame, o di non essere particolarmente invogliati a cucinare: le temperature più alte non devono però farci trascurare la corretta alimentazione. Ce ne parla la Dottoressa Elisabetta Macorsini, biologa nutrizionista di Humanitas Mater Domini e di Humanitas Medical Care di Monza e Arese, e che ci consiglia una ricetta semplicissima in linea con l’estate alle porte.

Piatti semplici, frutta e verdura

Quando il caldo si fa sempre più difficile da sopportare, è importante riuscire a gestire correttamente gli apporti nutritivi di cui abbiamo bisogno per svolgere le diverse attività quotidiane, senza però rischiare di appesantirci. Acqua, vitamine e sali minerali sono, quindi, fondamentali per compensare la perdita idrosalina dovuta all’eccessiva sudorazione. Bere almeno due litri d’acqua al giorno, salvo diversa indicazione del medico, è fondamentale, evitando però di berla troppo fredda: disseta di meno e può dare problemi allo stomaco. Da evitare i superalcolici, che provocano sudorazione ostacolando la disponibilità delle vitamine, e limitare le bevande zuccherate come succhi di frutta o bibite, molto meno dissetanti di quello che crediamo.

Il menu “ideale” di inizio estate

Prima di tutto è bene specificare che, in caso di necessità, è necessario rivolgersi allo specialista di riferimento, che potrà indicare la dieta migliore per il singolo individuo. Possiamo però proporre alcune indicazioni particolarmente adatte ai primi caldi. A colazione, per esempio, si può optare per un caffè o un tè, accompagnati da uno yogurt magro, oppure da 200 ml di latte scremato, frutta fresca, fette biscottate o biscotti secchi. A pranzo, si possono mangiare 70 grammi di pasta integrale, riso, farro, fonte di fibre dall’alto valore saziante. Come secondo, un carpaccio di manzo o pesce spada con insalata o verdure cotte o crude. Ancora, in alternativa si può pensare a un piatto unico che contenga cereali e legumi, con un contorno di verdure. A cena si può puntare sulle proteine, con bresaola, carne bianca, oppure pesce cucinato al forno o alla griglia. In caso di dieta vegetariana o vegana, un burger di legumi o dei falafel, sempre con contorno di verdure, possono essere una scelta adeguata. La frutta può essere consumata a pranzo, a cena o come spuntino, o sostituita con spremute o centrifugati.

Per il consiglio più adatto a te chiedi in farmacia!